• logo

    FEDERCONTRIBUENTI NORDEST

    Difendiamo il diritto al lavoro

    Il diritto di vivere del proprio lavoro

  • logo
    • Risolviamo i tuoi problemi fiscali e bancari
    • Proteggiamo la tua azienda e la tua famiglia
    • Ti aiutiamo con Equitalia
    • Ti affianchiamo nella battaglia contro le ingiustizie
    • Progettiamo insieme a te un’Italia libera dalle lobbies
IMAGE Ravvisato un prestito finalizzato mascherato da prestito al consumo
Venerdì, 19 Dicembre 2014
Il Tribunale di Padova, su ricorso d’urgenza promosso da una coppia di coniugi dell’Alta Padovana rappresentati dall’Avv. Marco Alberto Zanetti di Federcontribuenti, ha accolto totalmente la richiesta di ottenere la sospensione cautelare del pagamento delle rate del finanziamento sottoscritto con Profamily(Banca Popolare di Milano) per l’acquisto di una fantomatica Travel Box, una sorta di pacchetto turistico indefinito. La società venditrice è... Read More...
IMAGE Treviso, da 6 mesi senza energia elettrica
Mercoledì, 10 Dicembre 2014
Da sei mesi vive senza l'energia elettrica in casa. Enel Energia stacca la fornitura all'abitazione per obbligare la signora a saldare la fattura intestata alla ditta. La signora Dina aveva una lavanderia che ha dovuto chiudere a causa del carico fiscale che non riusciva più a reggere. Pur cercando di non lasciare debiti non è riuscita a pagare una fattura ad Enel Energia con Partiva Iva di circa 1,500 euro. L'azienda ha così deciso di staccarle la fornitura in casa anche se, le fatture... Read More...
Equitalia mi chiede 11 milioni di euro
Lunedì, 03 Novembre 2014
Pietro Pizzolato è un ex importatore di birra oggi in pensione. Nel 1997 è stato accusato di aver registrato fatture false. Quattro anni dopo un giudice l'ha assolto, ma Equitalia e Agenzia delle Entrate non vogliono saperne di rinunciare alla sanzione per frode fiscale e dopo 17 anni chiedono a Pietro di sborsare 11 milioni di euro. Interessante quanto dicono i funzionari di Equitalia e di Agenzia delle Entrate. (di Cristina Scanu) Read More...
IMAGE Padova e Vicenza. Poligono di tiro querela Federcontribuenti. Il caso diventa una interrogazione parlamentare
Lunedì, 27 Ottobre 2014
Alpha 22 Shooting Club ha querelato il presidente della Federcontribuenti, Marco Paccagnella, reo di aver diffuso a mezzo stampa alcune denunce dei residenti spaventati dai boati notturni. Il caso sollevato ha spinto il deputato Gessica Rostellato a presentare in Commissione una interrogazione con risposta. Atto 5-03865. ''Al Ministro dell'interno – premesso che con delibera del 6 settembre 2010, il consiglio comunale di Albettone, provincia di Vicenza, ha adottato una variante al piano... Read More...
IMAGE 650 euro in tasse pro capite al mese: il calcolo dell’assurdo
Martedì, 14 Ottobre 2014
Roma, Milano, Napoli: quanto pagano i cittadini all’anno di tasse comunali? Circa 1000 euro. Padova, tra le piccole è la più tassata: 647 euro di imposte, più altre 50 di tasse per un totale di 721 euro a contribuente all’anno. Parliamo di sole tasse comunali. Venezia la più cara in assoluto con le sue 506 euro di imposte e altre 663 euro di tributi vari per un totale di circa 1100 euro, sempre all’anno, sempre pro capite e sempre sole tasse comunali. Eppure la qualità della vita... Read More...

ccrisi

Qual' è il giusto canone in centro

on .

Affitti troppo cari stanno uccidendo le piccole attività

Aprire un’attività commerciale a Padova senza essere vittima del caro affitti? Per farlo ci sarà presto uno strumento in più. Federcontribuenti Veneto sta preparando un modello per stabilire il valore reale di mercato (in collaborazione con il portavoce dei commercianti del centro Filippo Sadocco) in centro storico e aree semicentrali. Lo studio indicherà dei paletti oltre i quali una certa cifra non è certo un affare.

Il valore di mercato, indicato nello studio sarà reale. «Assistiamo sempre di più ad attività commerciali che chiudono – spiega Carlo Covino, segretario di Federcontribuenti Veneto – magari dopo pochi mesi di apertura. C’è un problema di fondo sugli affitti del centro: spesso i proprietari chiedono cifre esagerate, scatenando un effetto a catena che altera i valori. Ogni proprietario chiede aumenti basandosi su quanto fanno gli altri, appellandosi ad un valore di mercato che non è quello reale». Sui proprietari arriva l’affondo di Covino. «Pare che non si rendano della crisi che stiamo vivendo – ricorda – con i loro affitti sconsiderati mettono in ginocchio anche loro stessi. E’ un meccanismo pericoloso: quando i canoni di locazione diventano rendite parassitarie la situazione si fa inaccettabile».

C’è anche un altro problema: le grandi catene che sbarcano in centro storico spesso accettano di pagare affitti elevatissimi. «Non certo per poca scaltrezza, anzi – ricorda Covino – in questo modo sanno che si scatenerà l’effetto domino, e che tutti gli affitti rincareranno in breve tempo. E sanno anche che la grande catena se lo può permettere, il piccolo o medio commerciante così affonda. In un certo senso pagare di più a loro conviene per eliminare i concorrenti».

Prendiamo in esame anche ulteriori richieste di nuove delegazioni nella Regione Veneto